VMUG.it nella TecNightCremona

Cremona è una città con un potenziale davvero interessante, specie se si parla di IT e TLC. Dietro ai progetti per lo sviluppo e la contaminazione delle idee ci sono le stesse persone che contribuiscono attivamente all’innovazione tecnologica. Forse la cosa che fino ad oggi mancava era la piattaforma dove poter sviluppare al meglio questo potenziale.

Come detto nei precedenti post, il CRIT (Consorzio di Cremona Information Technology http://www.co-box.it/about-crit/) con la notte bianca della tecnologia ha voluto portare un po’ dello spirito della Silicon Valley per le strade di Cremona, rilanciando il messaggio che le piccole idee, se ben sviluppate, si possono trasformare in grandi risorse. I soldi sono solo una variabile del grande progetto, dato che, come sostenuto in molti contesti, i mattoni fondamentali per far grande una nazione sono proprio le idee. E ancora una volta posso confermare tramite la TecNightCremona che SI PUO’ FARE! … e che al detto folcloristico delle 3 T di Cremona (https://it.wikipedia.org/wiki/Cremona), finalmente possiamo aggiungerne una quarta sotto il segno della Tecnologia.

image

Parlando del VMUG.it, io e Giuseppe Guglielmetti ( @gguglie ) abbiamo avuto la responsabilità di organizzare un meeting proprio all’interno della cornice della TecNightCremona, e più precisamente nei nuovi spazi del Polo Tecnologico. Nonostante l’elevato taglio tecnico dell’intervento, mirato nel mondo dei devops, l’affluenza è stata di circa 20 persone: una dimostrazione dell’interesse dei cremonesi verso metodi e tecnologie che sono il fulcro dello sviluppo di applicazioni di nuova generazione.

Gli ospiti

imageimageimage

L’agenda aveva come filo conduttore le due facce principali del DevOps, una nuova cultura che modifica sensibilmente il modo di vedere lo sviluppo applicativo, affiancando metodi di scrittura del codice a attenzioni diverse durante il ciclo di vita di quest’ultimo. Per questo motivo sono intervenuti ospiti come Alessandro Forcina (@aforcina) , un professionista nel mondo dev, dedito soprattutto al coaching delle metodologie di sviluppo Agile (https://it.wikipedia.org/wiki/Metodologia_agile) e Ruggero Citterio (@RuggeroCitterio), Cloud Platform Specialist in Dell EMC, che ha focalizzato l’attenzione sulle piattaforme dove poter finalmente costruire e distribuire le applicazioni di nuova generazione.

L’intervento conclusivo a cura di Giuseppe Guglielmetti ha dato una chiara overview sul mondo VMware per quanto riguarda l’integrazione dei container in ambito vSphere.

Ringraziamenti

image

Non mi resta che ringraziare a nome del VMUGIT gli ospiti intervenuti, il CRIT per l’opportunità e l’ospitalità e i pregiatissimi relatori Alessandro, Ruggero e Guglie!

Mi raccomando il prossimo appuntamento alla UserCON del 14 Novembre… e ricordo anche, che potete incontrare il vmug.it al VMworld 2017 a Barcellona (https://www.vmworld.com/en/europe/index.html).